Divertire con le proprie sventure

Prima della partenza nessuno si augura di incappare in imprevisti di nessun genere e tipo, ma è altrettanto vero che, una volta tornati a casa, spesso le reazioni e le situazioni suscitate da un imprevisto sono gli aneddoti più simpatici da raccontare a chi non era con noi. Se trovate una chiave interessante, magari autoironica, per raccontare la vostra piccola o grande sventura, il vostro lettore sarà curioso di seguirvi fino alla fine! Come è cambiato il vostro percorso a Milano dopo che siete scesi dal treno a Rogoredo convinti di essere alla stazione Centrale? E quando a Roma avete sbagliato direzione del bus e invece che in centro vi siete trovati all’EUR?

Claudio Visentin e Giulia De Dominicis

Questa voce è stata pubblicata in Scrittura. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Divertire con le proprie sventure

  1. Tracey Tanner scrive:

    Prima della partenza nessuno si augura di incappare in imprevisti di nessun genere e tipo, ma è altrettanto vero che, una volta tornati a casa, spesso le reazioni e le situazioni suscitate da un imprevisto sono gli aneddoti più simpatici da raccontare a chi non era con noi. Se trovate una chiave interessante, magari autoironica, per raccontare la vostra piccola o grande sventura, il vostro lettore sarà curioso di seguirvi fino alla fine! Come è cambiato il vostro percorso a Milano dopo che siete scesi dal treno a Rogoredo convinti di essere alla stazione Centrale? E quando a Roma avete sbagliato direzione del bus e invece che in centro vi siete trovati all’EUR?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>