I consigli di un grande

Siamo nani sulle spalle di giganti, no? E allora, per questa settimana, lasciamoci trasportare da un gigante vero, George Orwell.

L’autore di 1984 e de La fattoria degli animali, ha scritto un saggio sulla lingua inglese, ma che, per molte cose, va bene per tutti gli scrittori del mondo. Il titolo del saggio è Politics and the English language. Ecco le perle di Orwell:

«Non usare mai metafore, similitudini o altre figure retoriche che sei abituato a vedere sulla stampa.

Non usare mai una parola lunga se ce n’è una più corta.

Se puoi tagliare una parola tagliala sempre.

Non usare mai la forma passiva quando puoi usare quella attiva.

Non usare mai una parola straniera, un termine scientifico o una espressione gergale quando c’è un equivalente nella lingua quotidiana».

Tutto chiaro? A volte la perfezione sta in un piccolo cambio di aggettivo, in una parola scelta bene. Abbiamo già citato Orwell (ma ripetiamolo) quando diceva: let the meaningchoose the word (lascia che sia il significato a scegliere la sua parola).

Claudio Visentin e Guido Bosticco

Questa voce è stata pubblicata in Scrittura. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>