Linguaggio: tre cose per finire

1) Osservare (leggendo) le foto degli altri: chiedendersi sempre il “perché” di tutti gli elementi presenti nelle fotografie dei grandi, così come nelle proprie. Circondarsi di fotografie andando a mostre, sfogliando libri fotografici e riviste. 2) Avere un progetto prima dello scatto: così da avere uno scopo e potersi immaginare cosa fare delle foto che scatteremo. Solo così le nostre foto saranno interessanti anche per chi le osserva per la prima volta magari su di una gallery online o senza la nostra presenza che le “giustifichi” e le spieghi una ad una. 3) Essere curiosi. Sempre. Quindi creativi, ricercando sempre situazioni nuove e ideando progetti originali. 3bis) Pensate di trovarvi costantemente in viaggio, sforzandovi di incontrare sempre gente nuova. La fotografia diventerà così un mezzo per conoscere lo spazio in cui viviamo e le persone che vi abitano, senza rimanere uno sterile esercizio teorico o estetico.

Vincenzo Cammarata

Questa voce è stata pubblicata in Fotografia. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>