Una basta!

Due foto scattate in sequenza o due foto che ritraggono lo stesso soggetto, oggetto o paesaggio. Naturalmente per le raccomandazioni fatte all’inizio del nostro percorso, non vanno tenute entrambe. Va fatta una selezione. E allora quale tengo? Quali criteri adopero per scegliere l’una o l’altra? Tendenzialmente quella che “parla” di più, quella che comunica meglio un luogo, che narra delle persone ritratte e che descrive meglio un oggetto o una situazione. Ma fin qui rimaniamo ancora sul vago, allora a parità di potere comunicativo occorre scegliere quella perfetta (o migliore) dal punto di vista tecnico. Controlliamo la messa a fuoco, il micromosso (se questo non serve per raccontare qualcosa sulle condizioni – concitate?- che c’erano al momento dello scatto), se c’è qualche elemento superfluo che entra nella fotografia (passanti, auto, uccelli) e naturalmente, se si tratta di un ritratto, soprattutto se di gruppo, se qualcuno ha gli occhi chiusi…

 Vincenzo Cammarata

Questa voce è stata pubblicata in Fotografia. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>