Verbi: istruzioni per l’uso

I verbi? Siamo tornati sui banchi delle elementari? Vi chiederete. No, parliamo ancora di trucchi e consigli, semplici e utili.

Primo: usate sempre i verbi alla forma attiva, se potete. La forma passiva serve solo quando non si conosce l’autore dell’azione o se chi ha subito l’azione è più importante di chi la ha compiuta. Regola aurea e che funziona.

Secondo: privilegiate i verbi rispetto ai sostantivi. Sono più brevi ed anche più forti ed espressivi, perché sono “vitali”, compiono l’azione di cui parlano. Per esempio: fra “la partenza era prevista per le otto” e “siamo partiti alle otto”, c’è differenza. Oppure fra: “L’attenzione del gruppo era altissima” e “il gruppo era molto attento” o “il gruppo stava attentissimo”… da una parte c’è un concetto astratto, dall’altra un soggetto vivo che compie un’azione viva.

Non è obbligatorio scegliere uno piuttosto che l’altro, ma prestateci attenzione e decidetelo con consapevolezza.

Claudio Visentin e Guido Bosticco

Questa voce è stata pubblicata in Scrittura. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>